Channel Marketing 2

Per completare quanto detto nel post Channel Marketing 1, è da sottolineare come nell’aspetto di consulenza ai Rivenditori, sia molto importante saperli stimolare a creare nuove attività ed eseguirle. Per la continua competitività del mercato e la rapidità dell’evoluzione tecnologica è assolutamente vero che l’attività quotidiana di ciascuno di noi è determinata e potremmo dire schiacciata dalle azioni reattive; cioè da quelle azioni in cui siamo chiamati a rispondere a problemi, fare report, rispondere a domande.
Il tempo dedicato alla riflessione e alla creatività è sempre meno. E questo è paradossale perchè se questo è vero per ciascun lavoratore è esattamente l’opposto di quello che l’Azienda in sè e per sè deve fare: essere proattiva e proporsi al mercato in maniera autorevole, referenziata e magari originale.

Chi si occupa di Channel Marketing deve dunque lavorare affinchè ciascun Rivenditore strutturi la distribuzione dei carichi di lavoro e la mentalità di ciascun addetto e la propria affinchè ciascuno abbia almeno il 20% del proprio tempo lavorativo a completa disposizione per “guardare in giro” cosa accade e inventare un modo nuovo per fare le attività consuete o crearne di nuove.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: